NOVITÀ! Scegli tra più di 1 milione di annunci in 200 paesi: Camere private, Appartamenti e hotel LGBTQ-friendly

Guida del paese
Gay Spagna

Spagna gay

Per saperne di più

Nonostante la retorica anti-gay stia crescendo negli Stati Uniti e in altri Paesi del mondo, ci sentiamo molto rassicurati per quanto riguarda i diritti LGBTQ in Spagna. A chi chiede "la Spagna è gay-friendly?", la risposta è un fragoroso sì. Secondo IGLA-Europa, la Spagna ha una valutazione pari al 60% per quanto riguarda i diritti LGBTQ in generale, e si trova in 12esima posizione tra i Paesi più gay-friendly in Europa.

Sul fronte dei matrimoni gay, la Spagna dal 2005 ha per legge la parità matrimoniale e le coppie LGBTQ hanno il diritto di adottare bambini. Persone gay, lesbiche, bisessuali e trans possono anche far parte dell'esercito. Per questi e altri motivi, la Spagna resta una destinazione ideale da visitare per i turisti LGBTQ.

Rispetto ad altri Paesi, la storia di inclusione della Spagna è davvero notevole. Tra i Paesi studiati dal Centro di Ricerca Pew, la Spagna si è classificata prima per l'accettazione dell'omosessualità, con uno schiacciante 88% della popolazione che supporta l'omosessualità e solo l'11% che è contrario. Le città gay spagnole, tra cui Madrid e Barcellona, hanno forti comunità LGBTQ e sono molto accoglienti nei confronti di viaggiatori gay e viaggiatrici lesbiche.

I diritti LGBTQ in Spagna non sono necessariamente una conquista recente. Con molti cambiamenti culturali e di governo, il matrimonio tra persone dello stesso sesso e altri diritti sono stati di volta in volta permessi o condannati dai tempi dell'Impero Romano fino a tempi più recenti. Nel 1975, nel Regno di Spagna, i rapporti tra persone dello stesso sesso sono stati un'altra volta legalizzati, con la registrazione delle coppie dello stesso sesso nelle 17 comunità autonome del Paese a partire dal 1986.

Allora la Spagna è gay-friendly? Sì, lo è. Madrid, la capitale, proprio come il resto del Paese, ha mantenuto il suo status di destinazione di punta tra i viaggiatori LGBTQ per oltre 40 anni. Per quanto riguarda i matrimoni gay, la Spagna è stata il terzo Paese al mondo, dopo l'Olanda e il Belgio, a legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso. I diritti trans in Spagna sono riconosciuti dal 2006, quando fu passata una legge che permetteva alle persone trans di registrarsi con il loro genere di scelta su registri pubblici e documenti tra cui certificati di nascita, carte d'identità e passaporti senza dover prima effettuare interventi chirurgici di cambio di genere.

In seguito agli eventi di Stonewall, molte città del mondo hanno iniziato a celebrare il Gay Pride. Tuttavia, sotto il regime di Francisco Franco, la notizia di Stonewall non fu ampiamente diffusa. Nel 1977, otto anni dopo gli eventi di Stonewall, e due anni dopo la morte di Francisco Franco, si tenne il primo Pride di Barcellona. Questo fu seguito nel 1978 dal primo Pride di Madrid. Oggi le città gay spagnole includono Madrid e Barcellona, entrambe le quali hanno dei festival Gay Pride molto attivi. Madrid quindi è gay-friendly? Con più di un milione e mezzo di persone che ogni anno partecipano al Gay Pride, ci viene da dire di sì!

Tuttavia, non sono solo Barcellona e Madrid a rendere la Spagna gay-friendly. Altre città spagnole gay-friendly includono Valencia, Torremolinos, e ovviamente la soleggiata città marittima di Sitges, che si trova a soli 30 minuti di treno da Barcellona. Sitges organizza un fantastico pride ogni anno a giugno, mentre Torremolinos ospita le famose feste Delice Dream che includono le Vacanze di Primavera Gay ad aprile. Andando oltre al continente, anche ad Ibiza e Gran Canaria c'è molta vita LGBTQ, con viaggiatori gay e viaggiatrici lesbiche che si recano in massa su queste isole paradisiache per partecipare ad eventi LGBTQ come il Pride di Maspalomas e quello di Ibiza.

Oggi i diritti gay in Spagna sono un fatto accettato, con le dovute eccezioni. Anche se molte città e province supportano i diritti gay in Spagna, le città e i villaggi più piccoli possono a volte essere un po' più riluttanti a supportare tanto facilmente i diritti gay o trans in Spagna. Fortunatamente, ci sono molti annunci misterb&b per molte località del Paese, e ciò rende ancora più importante esplorare e dare supporto alla comunità locale e a ciò che ha da offrire.

Vuoi promuovere la tua attività nelle nostre guide?
Controlla il nostro programma Premium!