Important information related to the coronavirus COVID-19 pandemic

Avanti
Guida del paese
Gay Polonia

Polonia gay

Per saperne di più

Con la retorica anti-LGBT che permea lo spettro politico e sociale della Polonia, potresti facilmente essere indotto a chiederti, la Polonia è gay-friendly? In effetti la Polonia è molto meno aperta di altri paesi in Europa, con il matrimonio gay e l'adozione gay ancora illegali e la tolleranza LGBTQ generale incerta. Secondo i dati pubblicati da IGLA-Europe, la Polonia si è classificata 39 su 49 in termini di diritti umani LGBTQ dei paesi europei, dandole una percentuale complessiva del 18%. 

Nonostante sia membro dell'Unione Europea dal 2004, la Polonia rimane molto indietro rispetto a molte altre sue controparti europee, con protezioni legali insufficienti per la comunità LGBTQ in generale, ad eccezione del lavoro. Nonostante l'omosessualità sia legale in Polonia dal 1932, la storia dei diritti degli omosessuali nel Paese è triste e l'attuale sistema politico non fa che rafforzare questa ulteriormente.     

La Polonia è un paese molto religioso, con l'86 percento della popolazione che si identifica come cattolica romana. La loro visione ragionevolmente tradizionale in termini di questioni sociali significa anche che l'apertura generale e l'accettazione nei confronti della comunità LGBTQ non è così diffusa come in altri paesi d'Europa come la Spagna o i Paesi Bassi. 

Detto questo, l'omosessualità e la convivenza tra persone dello stesso sesso sono legali e le persone trans hanno il diritto di cambiare il loro genere legale, seguendo una serie di requisiti. Una crescente consapevolezza e accettazione della comunità LGBTQ attraverso eventi come il Pride sta anche creando cambiamenti positivi nel tessuto sociale del Paese, e questo può essere particolarmente sentito tra le giovani generazioni del Paese.  

Quindi Varsavia è gay-friendly? Come capitale del Paese, i viaggiatori gay e lesbiche troveranno Varsavia la città più gay-friendly della Polonia. Secondo i consigli di viaggio della Ambasciata Britannica, i viaggiatori gay e lesbiche possono godersi una scena gay attiva, con numerosi bar e club gay sparsi per il centro di Varsavia. Come ci si può aspettare, le aree urbane della Polonia sono più LGBTQ-friendly rispetto alle regioni rurali del paese, con Varsavia e Cracovia che sono le città più gay-friendly in Polonia. Tuttavia si consiglia ai viaggiatori LGBTQ di prestare attenzione, in particolare in termini di manifestazioni pubbliche di affetto.

Se vuoi sapere quanto gay-friendly è Varsavia, una misura utile può essere il tasso di partecipazione all'annuale Pride Parade della città. Il Pride di Varsavia è iniziato ufficialmente nel 2001 e, a seguito di un divieto nel 2004 e nel 2005, vi è stata una sorprendente partecipazione di 20.000 partecipanti nel 2006. Da allora i numeri hanno continuato a salire, rappresentando un promettente cambiamento delle prospettive della nazione verso i diritti LGBTQ e della comunità in generale. ILGA-Europe ritiene che i modi per migliorare la situazione giuridica e politica in Polonia potrebbero venire in gran parte attraverso una modifica dell'Antidescrimination Act, che garantirebbe la protezione dalla discriminazione LGBTQ nei settori dell'occupazione, dell'istruzione, della salute e dei servizi.    

Detto questo, la ricca storia della contea, i diversi paesaggi e l'architettura disomogenea degli edifici comunisti e delle strutture storiche rendono la Polonia una destinazione turistica unica in Europa. Inoltre ci sono molti annunci misterb&b a Varsavia e nel resto della Polonia, il che rende ancora più vitale connettere e supportare la comunità locale.

Vuoi promuovere la tua attività nelle nostre guide?
Controlla il nostro programma Premium!